S

Lettera S

Saldini (in italiano: forcine per capelli)

Saldini (in italiano: forcine per capelli)

Sacagnar: di solito usato in sacagnar de botte. Gonfiare qualcuno, riempirlo di botte

Sacumpàc: zaino, dal tedesco Sack und Pack

Saiba: dal tedesco “scaiascheibe”, rondella

Saldino: forcina → “Me ga toccà metter i saldini che me stava tutti i cavei per aria

Salvàdigo: scontroso, persona che no va d’accordo e non socializza con gli altri → Vien qua che te presento i miei amici, no sta far il salvàdigo

Sandolìn (con zontatore di Gorizionario)

Sandolìn (con zontatore di Gorizionario)

Sandolìn: specie di canoa in legno in uso (si potevano noleggiare) nella località balneare di Sistiana (frazione del comune Duino-Aurisina), frequentata dai goriziani con la passione per l’acqua fonda  → el se ga ribaltà col sandolin… roba che il neghi

Sardoni: varietà di pesce azzurro, fanno parte della frase tipica → Tirar sardoni =fare la corte ad una ragazza (o meglio, mùla).

Sassin: assassino, modo di dire per definire una corsa alla massima velocità (con un mezzo motorizzato) “Corer come un sassin” = orrere come un assassino

Savai o zavai: usato nella frase “Te son un savai (o zavai)!” ovvero “sei poco curato”

Savèr: verbo sapere, da cui la frase “Te sa sì!” esclamazione che indica accordo su un argomento, pressapoco equivalente a “come no”, “eccome”

Savòn: sapone. Savoneta, saponetta… → Durante la guera i se lavava co ‘l savòn per far ‘l bucato

Savonàda: letteralmente significa “saponata”, indica una fregatura, come – ad esempio – un conto astronomico da pagare al ristorante. È sinonimo di impiràdaNo, da quei là no vado più a magnar, go ciapà una savonada  una volta che no te conto!

SbisighessiSbisighessi: piccoli assaggini sfiziosi di cibo

Sbàtola: parlantina, rivolta ad una persona che chiacchiera molto → Te ga una sbàtola, ti!

Sbèssola: mento sporgente.

Sbìcia: tazza di caffè acquoso, ciofeca, surrogato di caffé, a seconda delle occasioni → Mama mia sto cafè no sa né de mi né de ti…xe proprio sbìcia!

Sbigula: paura

Sbisigàr: armeggiare, rovistare, mettere mano toccare le cose senza uno scopo preciso → “Non sta sbisigar le robe che non te sa

Sbìt: deiezione della gallina. Usato anche come sinonimo di “poco” → “Metime zuchero nel café…ma giusto un sbit!”.

Sbrega balòn: a dismisura → “A sbrega balòn

Sbregado (alt. sbregà): letteralmente strappato, usato soprattutto nella frase → me son sbregà de rider.

Sbrego: taglio

Sbrindul: ragazzino, bambino → “Tasi ti che son ancora un sbrindul

Sbrisàr: scivolare, ‘son sbrisà sul giasso

Sbriss: striscio, “de sbriss” vuol dire “di striscio”. “Te me gà cjapà de sbriss” = “mi hai colpito di striscio”. Usato anche come sinonimo di scampon → “son passà a farve un saludo de sbriss” = “son passato a farvi un saluto di sfuggita”

Sbrodolarse: sporcarsi, bagnarsi; detto generalmente quando si mangia → sta ‘tento a no sbrodolarte la maia quando te magni la minestra

Sbrovàrse: scottarsi, “Me son sbravada” o “Ocio che te se sbrovi

Sbrufadòr: annaffiatoio

Sbudellà: vestito con maglia e canotta fuori dai pantaloni → “sistemite. te son tutto sbudellà te ciaperà freddo”

Sburt o sburtòn: spintone → “Ocio che te dago un sburtòn!

Sburtar: spingere → non sburtàr, che se pien de gente

Sbusàr: bucare. Ad esempio “Sbusar una rioda” ovvero “Bucare una ruota”

Scabazar: Generalmente eliminare, gettare → i me gà scabazà fora del local.

Scàfa: lavandino. Essendo il posto dove vengono riposti i piatti sporchi e gli avanzi, si definisce “scafa” anche persona che non conosce limiti nel mangiare.

Scagno o scagneto: sgabello

Meza scaia (nella foto, il personaggio a destra), ovvero persona di (particolarmente) bassa statura

Meza scaia (nella foto, il personaggio a destra), ovvero persona di (particolarmente) bassa statura

Scaia: scheggia, scaglia in senso traslato: “mezza scaia” = persona di piccola statura o minuta

Scaio: ascella → “Vara con sto caldo te ga tuti i scai sudadi

Scandàl: disordine o confusione “Camera tua xe un scandàl“, anche in senso figurato (nel senso di casino, bevute, etc.) soprattutto riguardante serate fra amici “Che scandal che gave’ fatto ieri…

Scantinàr: uscire dalla retta via: “El gaveva dito che no beveva più, ma me par che ‘l scantina”

Scapolàr: passarla liscia → “la go scapolada” “l’ho passata liscia”, “far scapola a scola

Scaràsula: oggetto dotato di scarsa manutenzione o comunque fatiscente; termine usato spesso per indicare mezzi mobili motorizzati e non, meglio se accompagnati da rumori che ne sottolineino la loro pessima condizione. “Cosa te giri con quela scaràsula de bici”. Si sa poco riguardo l’origine del termine che potrebbe anche prendere spunto dalla scarassula, che è una specie di raganella rumorosa.

Scàrbonas: v. carbonas

Scarfaroto o scartafaroto: scarpe di stoffa con la suola fatta di vecchi copertoni di bicicletta o moto, orrende ciabatte o scarpe

Scarsela: tasca

Scartòzo: cartoccio di carta usato per contenere alimentari, principalmente pane, usato da Gino Pipìa per la sua celebre canzone goriziana “Gorizia in un scartòzo“. Veniva definito scartòzo anche chi veniva scartato alla visita di leva.

Scampòn o scampada: visita veloce, al volo, un salto → “Quando vien fora il sol faso uno scampòn/una scampada al mar” 

Scartaza: spazzolone senza manico o tutt’al più con piccola impugnatura a cinghia, atta a pulire i pavimenti. → Gavemo le scale cragnose, dame la scartaza

Scartaza

Scartaza


Scataròn
: sputo preceduto da raschiata di gola

S’cena: schiena; “go ciapà un cric e desso me fa mal la s’cena”, “col mio benelin te dago in s’cena” (figurativo – il mio motorino è più veloce del tuo)

Schei: soldi, alternativamente “bez“, “bezzi“, “bori

S’ciocarse: verbo riflessivo, provocare/subire incidenti, in genere automobilistici → Se ga s’cioca de novo in auto? Per forza, el xe sempre càrigo!

s'ciocarse

S’cipauca: molletta, sinonimo di ciapìn. Deriva da sčipauka, ovvero pinza in sloveno, la parola può essere utilizzata per indicare fermaglio o graffetta → “Dame una scipauca che meto insieme ‘sti fogli

Scipiòta: cavalletta (vecio furlàn de Gorizia). Lo usava mia nonna e lo usa mia mamma.

S’ciurco: scarafaggio, blatta→ va buttar un poco de flit in cantina che xe pien de s’ciurchi

S’ciurla [s’t∫urla] -ubriacatura- te se ga preso una bela sciurla ieri sera…

Schmoren: uovo strappazato con zucchero e uvetta (da non confondere con il kaiser schmaren)

Schnitte o snite: fette di pane raffermo immerse prima nel latte, poi nel tuorlo dell’uovo e fritte con olio e burro. Venivano poi condite con zucchero e cacao, per colazione o merenda dei piccoli goriziani.

S’ciafa [s’t∫afa]: Sberla → Ghe go tirà na s’ciafa che ga fato do giri. Gli ho tirato una sberla che gli ha fatto fare due giri. Le s’ciafe esistono in diverse misure: s’ciafe, s’ciafoni, s’ciafeti o s’ciafete.

S’cianfer: ferro vecchio o rottame → “Te ga un s’cianfer te macchina” o “La tua bici xe un s’cianfer

S'cinche

S’cinche

S’cinca[s’t∫iŋka]: biglia di vetro colorato con cui giocavano i bambini del secolo scorso → “andemo a giogar de scinche”

S’ciopo: fucile

S’ciopar: scoppiare, usato in maniera figurativa per dire arrangiati, ovvero per dichiarare il proprio disinteresse verso l’altrui malessere → no te piasi cussì? S’ciopa! , inoltre alora s’ciopa? si chiedeva la gente in attesa del numero che permetteva vincere la tombola in Piazza Vittoria.  Te piasessi saverlo?! E mi invece no te lo digo! S’ciopa! significa crepare di invidia

S’ciopà: è l’aggettivo che identifica una persona che compie delle azioni particolarmente sciocche come andar fora in manighe corte con sta zima? Te son s’ciopà?

Sclafuta: variante friulana di clafuta.

Skleda

Sclede di diverse misure e colori

Scleda (alt. skleda): terrina usata per condire l’insalata o per far pastela pei omleti

Sclupìt o sclopìt: erba de campo saporita da mangiare lessa con uova sode (ovi duri). 

Scondòn: nascosto usato per lo più nella locuzione “di nascosto” (“de scondòn”) → Se te beco a far le robe de scondon Tipica ammonizione da parte di un genitore o superiore che avvisa di non compiere azioni non convenute , Magnar de scondon: mangiare di nascosto per non essere colti sul fatto.

Sconfinfera: mi piace, mi va a genio → “Me sconfinfera” 

Scovaze: immondizie

Scovazera: pattumiera

Scovazin: netturbino

Scovazon, scovasson: immondezzaio, discarica, luogo di raccolta della spazzatura

Scrin: cassettiera

Scufiòt o scufa: cuffia, mettite la scufa che xé zima. In senso figurato assume il significato di scappellotto o schiaffo → Rinaldo, se no te tasi te molo un scufiòt!

Scuiar: sbirciare → No sta a scuiarme co me cambio

Scuri (foto: Grazia Modolo MagaMagò )

Scuri (foto: Grazia Modolo)

Scuri: imposte delle finestre

Scuria : frusta → se el caval non sta fermo, dopra la scuria

Scussàr: graffiare, ammaccare la superficie di un oggetto o provocare un’escoriazione sull’epidermide (da scùssa, la pelle). “Ghe go prestado il Carrerin a mio fio per portar fora la mula e me xe tornado a casa con il paraurti scussado”… “Ho prestato il Porsche 911 a mio figlio per portare a spasso la fidanzata e mi è tornato a casa con il paraurti graffiato”. “Son sbrissado per terra su una macia de ojo e me go scussado il gomito destro con il tiro”… “Sono scivolato a terra su una macchia d’olio e mi sono sbucciato il gomito destro con il colpo preso”.

Sdrauss: di origine incerta, utilizzato nella frase “Te son concià come un sdrauss”, nel significato di “Sei vestito da cani”.

Sdrondenar: scuotere → “Il distributor de merendine me ga tacconado i spicci e mi lo go sdrondenado

Sfracagnado: schiacciato → “Che mona che son, go meso le bire sora l’uva e ‘desso xe tuta sfracagnada…

Sdruma: folto gruppo di bambini o ragazzi → “i de gente” significa “tanta gente,confusione”.

Sèlino: sedano. “Gambe de sèlino” = “sottili come gambi di sedano…”

Sempioldo: sciocchino ,stupidello → el ga un fradel che xe un poco sempioldo

Sepa: seppia, da cui “oci de sepa”, ovvero “occhi di seppia”, frase detta quando a qualcuno che ha gli occhi socchiusi perché: assonnato, malato o malizioso.. Utilizzato anche nel senso di “languido”: “no sta guardarme/vardarme con quei oci de sepa” 

Sesto (de): per bene, educato → “Xe un mulo assai de sesto“, “No se trova un de sesto…

Sgaiosveglio, in gamba → “….ara cio te son propio sgaio

Sfracagnado: schiacciato  → “Bel mona, te ga messo le bire sora l’uva e ‘desso xe tuta sfracagnada”

Sgarfàr: trovare o cercare

Sgionfa: “Che sgionfa!” per dire di esser veramente stufi di qualcosa oppure “Go fato la sgionfa de queste discusioni sul’ascensor del castel e Gorizia, no vojo più sentir gnanche un comento

Sgionfo: grosso, pieno, persona sovrappeso

Sghiribiz: Scarabocchio

Sgnacàr: piazzare, ficcare, mettere, spiaccicare → “Sgnacar il veceto in ospissio” = mettere il vecchietto all’ospizio, “Sgnacar un ragno tal muro” = spiaccicare un ragno sul muro, “Te la ga sgnacada…” = “Ti hanno fregato”

Sgobazzon: grande lavoratore “varda come il lavora xe un vero sgobazon”

Sgrafar: graffiare “sta tento co la bici che no te sgrafi la portiera dell’auto”; “go messo sugar le tende e il gato me le ga tute sgrafade”

Sgrasear (alt. sgresear): gracchiare, dal friulano → Ciò metti a posto la radio, no te senti che la sgrasea no se capisi un clinz?

Sgrasia: raucedine → Ma cos’ te ga la sgrasia? Va ti a zigar con quei altri moni al Palazzetto!

Sgrisoli: v. grizoli

Sine: letteralmente binario scorrevole, deriva dal tedesco Schiene= binario; “le sine del treno”, “le sine delle tende”

Šìnter o sìnter: macellaio/boia, dall’austriaco Schinder, usato per il canile prima che diventasse sede dell’AIPA 

Slavazòn [zlava’tson]: acquazzone. Da cui “slavazarse”, cioè “inzupparsi”.

Slavinar: piovere a catinelle. “Portite drio l’ombrela che fori slavina… te gò dito mi de cior l’ombrela adesso te son tutto slavazzà!

Slindra: con slindre si indicano le parti grasse o meno pregiate della carne, da eliminare dalle fettine e da mantenere per fare il brodo. Alcuni personaggi goriziani erano conosciuto per “magnar anche le slindre” e alcuni di loro venivano così definiti “scàfe“.

Slepa: schiaffo, sberla → Piantìla, che te tiro una slepa (trad.: smettila, sennò ti do uno schiaffo). Significa anche grande quantità, grossa fetta → me son magnà una a slepa de pan e salame

Slichignoso: viscido, appiccicoso, untuoso, scivoloso → Mama, sta carne xe tuta slichignosa e piena de slindre. No magno più!

Slivovitz

Slivovitz

Slivovitz: acquavite di prugne, prodotta anche artigianalmente. Il nome deriva da “sliva”, “prugna” in sloveno. In alcuni locali viene offerto alla fine del pasto ai clienti di riguardo → Bon, con quel che gavemo magnato, minimo te ne buti un slivovitz

Slonz: quantità esagerata di un liquido da bere, dallo sloveno lonec (= pentola, pignatta) → Stamatina per svejarme go bevù un slonz de cafelate

Sluc (alt. sluk): sorso, sorsata  → Fame sagiar un sluc, vuol dire “fammene assaggiare un sorso, mentre Bevo ancora un sluc e dopo vado casa e’ una frase che denota buona volonta’, ma che spesso comporta la bevuta di diversi bicchieri. Dal tedesco: schlucken = inghiottire; schluck = sorso.

Slungar: allungare, porgere → Ogni tanto slunghèghe una bira al capo, cussì el lavora mejo… 

Smarza (alt. marza): figura barbina, brutta figura

Smamirse verbo riflessivo: perdere l’aroma → Chiudi ben el caffè, che se no se smamissi!

Smica: sberla, schiaffo. Indica anche poca voglia di far qualcosa → no me smica molto andare dal dottor

Smafaro o smafero: persona scaltra, volpone → sta tento che el xe un smafaro

Smarcai: moccoli, specialmente di bambino, che viene definito “smarcaioso” nel senso – appunto – di moccioso

Smercuz: dallo sloveno, moccioso, ragazzino che deve ancora imparare

Šmír: grasso nero usato sopratutto per far circolare bene gli ingranaggi e la catena della bici; da lì la classica affermazione: “Te se ga sporcà de Šmír”

Smoio: ammollo. Da cui “smoià” = “inzuppato”.

Smonà: depresso, triste → “Son smonà” anche “Son giù de bala” 

Snider: sarto

Sofigàr, sofigàrse (riflessivo): soffocare, soffocarsi. “Go magnà le luganighe tociàde nel cren, e me stavo quasi per sofigàr per quanto jera forte” = “Ho mangiato le salsicce intinte nel rafano tritato e stavo quasi per soffocare per quanto era pungente”.

Sofronio Pocarini: nativo di Fiumicello del Friuli (1898) scrittore, poeta, giornalista, pittore, fra i fondatori del Movimento Futurista Giuliano, morì di congestione nelle basse acque della laguna di Grado. La sua fine divenne di monito per generazioni di bambini, i cui genitori li apostrofavano così: “No stà ‘ndar in acqua subito dopo magnà, se no te farà la fin de Sofronio Pocarini

Sognarse de ombrele: pensare a cose impossibili, sperare in cose impossibili

Spacàr: rompere, oppure sbattere → “Se ga spacà la sedia”, “Go giusto spacà la tovaia”

Spagnòl (plurale: Spagnòi): sigaretta. I Goriziani spesso si recavano nella vicina Yugoslavia per acquistare “spagnòi” e anche oggi si sente dire “Vado a ciorme spagnòi in Yugo“, nonostante la Repubblica Federale della Yugoslavia non ci sia più ormai da tempo (e sarebbe più corretto dire che ci si reca in Slovenia)

Spandòn

Spandòn

Spandòn: persona che tiene molto al proprio aspetto, esibizionista, che si mette in mostra → “Vara lì che spandòn: xe vestì tuto firmà e gira col machinon!

Sparagnàr: risparmiare da cui sparagnìn: persona molto risparmiatrice

Speta un poco : fiammiferi vecchio tipo, siccome non si accendevano subito bisognava “aspettare un momento” prima di accendere la sigaretta altrimenti si aspiravano i vapori di zolfo

Spina: rubinetto, da cui “Acqua de spina” per “Acqua di rubinetto”

Šparhet (oppure sparherd, spargher, sparget): cucina a legna

Sparnizàr: spandere, sparpagliare → “Usti go sparnizà cafè per tuta la cusina.”

Spazolàr: mangiare rapidamente e con avidità → “la torta iera talmente bona che la ga spazolada”

Spighette: lacci da scarpe → Lìghite quele spighette, se no te vol tombolarte!

Spiza: prurito → Me spiza el ginozio, me devi gaver beca qualche bestia, xe pien de zanzare e tafani ‘sto ano

Spizacui (bacche di rosa canina)

Spizacui (bacche di rosa canina)

Spizacui: bacche di rosa canina, chiamate così perché contengono semini piccoli è un po’ appuntiti

Spolveron: baldoria → “Gavemo fato spolveron ieri sera

Sifone per seltz, ingrediente dello spritz originale

Sifone per seltz, ingrediente
dello spritz originale

Spriz o spritz: bevanda tipica, originariamente vino e soda (o seltz), utilizzando l’apposito sifone

Spudac ( c di ciao, alt. spudaz): saliva o sputo “Xe tutto spudacià”, “Te ga spudac sulla maja” . “Tacà col spudac” significa montato malamente.

Spudar balini: “Compiere un lavoro con estrema difficolta’”. → Alessandro, per starghe drio a ‘sto dizionario, sta spudando balini…

Spùza: puzza, odore sgradevole ed  intenso → Orpo che spuza, devi èser le galosce del Maurizio!

Standa: dal nome del supermercato sito in Corso Italia, definiva un prodotto di scarsa qualità “Orpo che bruto  maion che te ga, xe roba Standa?

Stangolìn: leva di ferro o di acciaio. “Piovi stangolini” = “vien giù che Dio la manda”

Stasa: stadia (attrezzo per muratori costituito da una barra squadrata in alluminio, usata per rasare la malta, per controllare la linearità di un muro, per misurare, ecc..) (Mauro Fluent Interface)

Stasa dotata di bolla

Stasa dotata di bolla

Staufer : Cilindro metallico, alare, tubo. Spesso usato come unità di misura del sesso maschile.

Stecadènti: stuzzicadenti (singolare: stecadènte)

Stik: ghiacciolo

Stomigoso: persona o cosa che fa schifo o fa dare di stomaco → Il xè così volgare che il parla in maniera stomigosa
Go messo troppo zucchero tal dolce che il xè diventado stomigoso

Stonfa: da stonfo (=sazio, pieno), far o ciapar una stonfa, vuol dire esagerare (soprattutto nel mangiare) fino alla nausea

Stonfo: sazio, satollo, pieno → “Son stonfo non rivo a magnar più!

Stop: autostop, in stop = in autostop → Ciò, domenica xe Vasco in concerto a Lignan, stago pensando de ‘ndar giù a véderlo in stop.

Stornel: stornello, significa persona stupidina. Secondo alcune fonti il conosciutissimo parroco di San Giusto, Don Valle, usava dire “Ma te xè proprio un stornel!

Strafanìc o strafanìcio [strafa’nits, strafa’niʧo]: cose inutili, vestiti smessi. Secondo alcune fonti strafanic deriverebbe da schaffen=compiere e nič=niente. Definisce anche una persona sciatta “”te son proprio un strafanìcc”

Strafànti: sinonimo di “strafanici

Stramàss: materasso

Strambolòto: sciocchezza, parola senza senso detta soprattutto da bambini piccoli → “Parla ben, no sta dir stramboloti!

Strasilo: persona vestita male, dallo sloveno strašilo (=sl. “spaventapasseri”)

Strica: striscia, sbronza, graffio; “ciò ma quante striche rosse de ga sul quaderno ?”; “ieri sera go ciapà una strica che stago mal ancora oggi”

Stricàr: dormire → “Stasera me tiro una bela stricada

Striza: paura

Striga: strega → cio’ ma cos’te ga te ga visto le strighe che te son fora de ti…

Stropar: otturare, tappare → stropa il buso che vien fora l’acqua

Stropolo: piccolino, in genere riferito ad un essere vivente → Ciò, no te podevi ciorte un can serio, tipo un can lupo, invece de quel stropolo che te devi far atenzion a no caminarghe sora?

Strucapatate

Strucapatate

Strucapatate: schiacciapatate, strumento assai in uso per la preparazione di gnochi coi susinikipfel per la gioia di grandi e piccini

Strucàr/strucàrse: baciare una ragazza/un ragazzo, significa anche stringere forte una persona, abbracciare forte

Strucòn: bacio, abbraccio forte → Go voja de darte un strucòn

Strucolo de pomi: strudel di mele.

Struss: spazzolone, usato per pulire i pavimenti → Dai pasame il struss che passo il straz, Dai passami lo scovolone che passo lo straccio.

Struza, anche Struca (dallo sloveno): pagnotta di forma allungata simile alle baguettes → “Compra una struza de pan” .

Stufadìzo o stufadìz: uno che si stanca facilmente delle cose, poco paziente, che si annoia facilmente → “Te son sai stufadiz, te ga apena cominciado e non te va più avanti

Stupidin con l’elica: modo per sfottere qualcuno che fa o dice cose ridicole, che si rende ridicolo

Suarbitul: orbettino, piccolo rettile senza zampe che le nostre nonne trovavano nell’orto

Subioto: pasta di semola di grano duro di piccolo formato, per es. penne. Ieri sera go magnà subioti col burro

El celebre suf del'Alessandra Vuga

El celebre suf del’Alessandra Vuga

Suf: pronunciato con la “s” sonora, si traduce con disordine, confusione. Esiste anche un dessert denominato “suf”, a base di “grièss” (“semolino”), con zucchero e cannella.

Sugarsela: letteralmente asciugarsela, significa cavarsela → Pel compleanno ierimo in pochi e me la son sugada con 50 euri. = Per il mio compleanno c’erano pochi invitati e me la sono cavata spendendo solo 50 euro

Susta: molla del materasso

Sustina: bottoncino a pressione (o automatico)

Sustui o sustoli: cibo immaginario, generalmente fritto “Cosa xe per cena? Sustoli fritti!“, utilizzato per prendere in giro la gente o definire il digiuno.

Suto: asciutto, figurativamente usato nella frase “son suto”, sono all’asciutto, nel senso che non ho soldi, sono al verde.

Svejabauchi: incidente che colpisce le persone distratte  → quando invece de ciapar il scalpel te se ciapi il dito…il vecio che vedeva la scena te diseva: sveiabauch

Mùlo 'sai svéjo

Mùlo ‘sai svéjo

Svéjo (alt. svéio): da sveglio. In Goriziano è d’uso definire con il lemma svéjo il suo esatto contrario ovvero di imbranato poco accorto, stupidino → Ciò ma te son proprio svèjo “Sei proprio cretino”.

13 pensieri su “S

  1. Voio segnalar il termine “SPIZZA” prurito, dovria esere con una Z. Il termine in uso SPìZZA và a descriver una estremità apuntita dal tedesco SPITZE = PUNTA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...